Garante

Antonio Marziale

Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza

della Regione Calabria

 

Curriculum vitae

Decreto di nomina

L.R. 28/2004

Segnalazioni
Attenzione! Dimensioni massime degli allegati 5MB
sfoglia

 

Informativa privacy


INFORMATIVA AI SENSI DELL'ARTICOLO 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 2003, NR. 196 IN MATERIA DI DATI PERSONALI

 

Ai sensi dell’art. 13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003 n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, si informa che:

  1. il trattamento dei dati personali, per le finalità connesse ai servizi interattivi forniti dal sito istituzionale, è presupposto necessario per la corretta erogazione dei predetti servizi;
  2. il conferimento dei predetti dati ha carattere facoltativo. L’eventuale rifiuto comporta l’impossibilità di fornire il servizio richiesto;
  3. il trattamento è effettuato con l’ausilio dei mezzi informatici e/o manualmente, con l'osservanza di ogni misura cautelativa di sicurezza e di riservatezza dei dati nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali.
  4. ai dati hanno accesso i dipendenti dell'Ufficio del Garante che sono stati nominati incaricati del trattamento;
  5. ai sensi dell'art. 7 del d.lgs. n. 196/2003, l'interessato ha diritto ad avere conferma dell'esistenza di dati che lo riguardano, di rettificarli o aggiornarli, di cancellarli o di opporsi per motivi legittimi al loro trattamento;
  6. i dati personali raccolti e tutti quelli che risulteranno necessari per istruire e dare attuazione alla presente richiesta saranno trattai solo per tali scopi, oltre che per finalità statistiche e scientifiche.
  7. il titolare del trattamento è il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, con sede a Reggio Calabria in via Cardinale Portanova.

 

GARANTE PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA della Calabria


Il Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è una figura istituzionale presente nella maggior parte dei paesi europei. In Italia sono operanti ad oggi, oltre all’Autorità nazionale, 14 Garanti regionali e delle Province autonome.  

Il Garante è un’autorità indipendente che ha soprattutto il compito di verificare e vigilare sull’effettiva applicazione nazionale e locale dei diritti di tutela e di promozione dell’infanzia sanciti dalla Convenzione delle Nazioni Unite del 1989.

Un obiettivo, questo, da perseguire non attraverso vuoti proclami o denunce allarmistiche e nemmeno assumendo atteggiamenti giudicanti o censori verso coloro che quotidianamente sono a contatto con bambini e ragazzi (famiglie, scuola, tribunali, servizi sociali e sanitari, strutture per il tempo libero, il gioco, lo sport, ecc.), bensì praticando l’ascolto, la persuasione e tutti gli strumenti di un diritto «amichevole», «mite», ma non cedevole.

Per questo appare oggi indispensabile costruire anche in Italia un sistema nazionale e regionale di garanzie che possano sviluppare i diritti delle bambine e dei bambini che vivono nel nostro paese." Il giorno 30 aprile 2010 è stata istituita la "Conferenza dei Tutori e dei Garanti regionali per l'Infanzia e l'Adolescenza" La Conferenza assume come impegno e finalità quello di promuovere su tutto il territorio nazionale le molteplici e valide esperienze progettuali promosse dai Garanti in ambito regionale.

Nell'assemblea, che si è tenuta a Napoli, presso la sede del Garante Regionale della Campania, è stato nominato all'unanimità come primo coordinatore della Conferenza, Francesco Alvaro, Garante per la Regione Lazio.

Tra gli obiettivi primari vi è quello di sensibilizzare le realtà locali sul tema della tutela dei diritti dei minori attraverso l'istituzione e la nomina dei Garanti Regionali in tutte quelle realtà che ancora non hanno provveduto a farlo.

Il primo compito del Garante è quello di far acquisire ai minori la consapevolezza dei diritti di cui sono divenuti titolari in forza della Convenzione di New York del 1989 che ha operato una vera e propria rivoluzione copernicana: ha fatto passare il minore da “oggetto di tutela” a “soggetto titolare di veri e propri diritti soggettivi”, esercitabili dallo stesso minore se dotato di capacità di discernimento. Nella logica della Convenzione di New York, tale capacità sottrae il minore alla categoria dell’interesse (che, alla fine, è sempre l’interesse dell’adulto) e gli consente di partecipare, in prima persona, a tutte le decisioni che lo riguardano, essendo divenuto titolare del corrispondente diritto soggettivo (per fare un esempio, basti pensare che, in sede di procedura di adottabilità il tribunale per i minorenni deve sentire “il minore che ha compiuto gli anni dodici e anche il minore di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento”). Il Garante ha il compito primario di ricordare ai genitori, agli insegnanti, alla società tutta, quanto ha insegnato la grande Maria Montessori e cioè che il bambino è un essere attivo e creativo che ci dice continuamente “Aiutami a fare da me!”. Occorre, perciò, realizzare, nelle scuole, con l’ausilio di studenti ed insegnanti, periodici interventi sul tema dei diritti dei minori, onde evitare, da subito, il ripetersi di fenomeni raccapriccianti, quali, ad esempio: “S’impicca a 14 anni per paura della vita”. Occorre che gli insegnanti sappiano la differenza che passa tra “bullismo” e “criminalità minorile”: l’ignoranza di questa distinzione fa assumere agli stessi atteggiamenti di colpevole permissivismo a tutto danno delle povere vittime. Il Garante deve bussare con forza alla porta delle politiche sociali, dal momento che tali politiche e le scelte amministrative sono insensibili alle esigenze dei bambini. Il Garante deve, poi, saper ascoltare e fare ascoltare. Non solo, ma deve tenere e far tenere in debito conto il punto di vista dei bambini. Il Garante deve verificare se, entro il 31 dicembre 2006, siano effettivamente cessati i ricoveri in istituto e deve assolutamente opporsi a che si faccia uso di antidepressivi per i bambini, il Garante deve, quotidianamente, vigilare sui servizi sociali, nel funzionamento dei quali “ci sono moltissimi problemi da risolvere, molte disparità di organizzazione e vergognose disfunzioni da rimuovere. Se tutto questo e molto altro il Garante non fa o non assicura, allora è davvero legittimo chiedersi: a che cosa serve “una figura di questo genere?”